Home  Programma  Foto  Storia del cinema  Informazioni generali  Contatto Come raggiungerci


Cinema Teatro Blenio
L'intervento di Don Emilio Pozzoni (1975- 1980)
Fu merito di Don Emilio Pozzoni, allora parroco di Leontica, di averla riaperta. Si era a metà degli anni settanta e Don Emilio avvertì le enormi potenzialità di questa sala, la sua valenza polifunzionale che avrebbe potuto soddisfare diverse esigenze della popolazione di tutta la valle. Lo stabile, nel frattempo, era divenuto proprietà dell'Unione Apostolica bleniese (pur mantenendo la ragione sociale originaria), che non lesinò sforzi per poterla riaprire. Furono investite ingenti somme a tale scopo, in interventi mirati soprattutto al miglioramento della situazione generale dello stabile (poltrone, isolazioni, riscaldamento) e alla parte tecnica (nuovo proiettore).

A Don Emilio si affiancarono Cirillo Beretta, alcuni operatori e cassiere della precedente gestione e nuove forze. Oltre all'attività cinematografica, riprese vita anche la Filodrammatica Blenio (ex filodrammatica San Vincenzo) che, in alternanza con il repertorio "classico", cominciò a rappresentare anche i primi lavori in dialetto di Cirillo Beretta. Malgrado queste attività, la gestione riscontrava annualmente dei passivi, coperti per alcune stagioni dall'Unione Apostolica stessa. Fu a questo momento che, per ovviare alla difficile situazione, l'Associazione dei Comuni di Blenio (che aveva riconosciuto l'importanza rivestita da questa sala per l'attività socio-culturale della valle), fece esperire una perizia contabile che portò alla conclusione che la sopravvivenza della sala avrebbe potuto essere assicurata solamente con un contributo pro capite di Fr 1,50 per abitante da parte dei comuni della valle. Quasi tutti i comuni seguirono l'invito e grazie a ciò fu possibile coprire i disavanzi di gestione e continuare l'attività per qualche anno.
Pagine: 1 2 3 4 5


ultimo aggiornamento: 15.10.2017